domenica 11 maggio 2008

Popilia

Popilia
Via Serroni 45, Giffoni Sei Casali (SA)
Tel.: 089/880129-338/2884878 Chiuso il lunedì
Tipo di cucina : casereccia/picentina
Fascia di prezzo : bassa
Valutazione complessiva : 5/5

Come arrivare : da Salerno, al bivio di Fuorni proseguite in direzione di Giffoni Sei Casali, superate il cementificio fino ad arrivare ai campi di calcetto di Malche, a questo punto girate a sinistra seguendo le indicazioni che vi porteranno fino al locale. Parcheggio abbastanza ampio senza parcheggiatore abusivo

Prima di iniziare la recensione vera e propria, mi preme scusarmi con i miei lettori per la prolungata assenza da questo blog, ma non è stato tempo sprecato invano, bensì impiegato nella realizzazione del sito di Ingiropermangiare e nell'implementazione della già nota versione mobile. Ma veniamo al succo del discorso, la recensione, quella per cui posso onorarmi di avere oltre 7000 pagite viste, grazie di cuore a tutti!
Giffoni Sei Casali è un paese come si evince dal nome composto dai sei distinte frazioni (Malche, Sieti Alto, Sieti Basso, Prepezzano, Capocasale e Capitignano), dalle antiche origini romane. E romana è anche la via Popilia appunto, che nel suo tragitto da Capua a Reggio Calabria attraversava buona parte dei territori picentini. Da questa atica strada consolare prende nome il ristorante di cui vi sto per raccontare.
Il "Popilia" è un ristorante ben arredato e ben strutturato, con un ampia veranda coperta all'ingresso, e altre tre sale più piccole all'interno. Le pareti sono dipinte con un tenero giallo pastello, mentre la pietra e i mattoni conferiscono all'ambiente una nota decisamente rustica. Dopo essermi accomodato arriva subito il cameriere ad elencare vocalmente i piatti del giorno, scelgo come al solito l'antipasto che si rivelerà semplicemente da applauso, con bocconcini e caciottina di capra, salame, prosciutto e capicollo, ma la parte del leone la fanno le verdure, e cioè delle ottime melenzane e zucchine sott'olio e alla scapece, un tortino di verze patate e pancetta che si scioglie in bocca, un gateau di patate forse un pò troppo duro e freddo, un rotolino di spinaci con sottiletta e una parmigiana molto leggera e senza mozzarella. Abbastanza sazio a dire il vero, degusto un bicchiere del vino della casa, un rosso molto corposo e dalle note decisamente fruttate, servito (meno male!) a temperatura ambiente. I primi, che nei picentini sono sempre una sorpresa, non sono comunque da meno, e pertanto le pappardelle al sugo di cinghiale vanno giù che è una bellezza, così come i fusilli con ricotta salata grattugiata, salsiccia, rucola e noci, la specialità di queste terra. Per dolce un ottima torta fragoline e crema pasticcera da mandare giù con un limoncello. Il conto? No, se ve lo dico non ci credete. Vabbè, per la completezza dell'informazione vi dirò che per un antipasto (che vale per due), due primi, dolce, liquore, vino, acqua e coperto ho chiuso la partita con soli 25 euro. Da non credere vero? Uno schiaffo a chi parla a vanvera di caro vita, inflazione e rincaro delle materie prime (non senza preventivare il proprio tornaconto...), per fortuna ci sono posti come il "Popilia" che riescono a proporre una cucina di qualità ad un prezzo onesto, complimenti a loro e complimenti al lettore che nei commenti passati mi aveva consigliato di venire qui.
Tracklist consigliata : Underworld - Cherry Pie
Evangelist - Angelica

3 commenti:

Riccardo ha detto...

Complimenti stai facendo davvero un bel lavoro, sono sicuro che questo blog sarà presto il punto di riferimento di tutti gli internauti che amano la buona cucina, per me lo è già!!!!
Continua così Riccardo

antonio ha detto...

Grazie Riccardo, vedo che ci sono ancora persone come te che apprezzano ciò che faccio, è per loro che vado avanti, grazie e rimani sintonizzato!

Tiziano ha detto...

a pranzo domenica 4 ottobre 2009
2 coperti € 2,00
1 bott. di vino della casa € 5,00
1 bott. Ferrarelle € 1,70
2 antipasti € 16,00
2 primi € 14,00
2 caffè € 2,00
TOTALE: € 40,70 barrato € 40,00
-sfizioso e buono l'antipasto
-interessanti i primi fatti servire ognuno in due piatti in due momenti diversi(paccheri speck, zucca e nocciole...fusilli con ricotta salata grattugiata, salsiccia, rucola e noci)
-unico appunto è sui caffè, purtroppo serviti a tavola ormai freddi