sabato 26 dicembre 2009

Ingiropermangiare : quando, dove, come e perchè

Ripensando a com'è nato il mio blog, mi è venuto in mente di mettere le mie riflessioni nero su bianco, oppure bytes su server, così, per evitare che il tutto si perda come lacrime nella pioggia.
Era la fine di settembre di due anni fa, le prime piogge e la prima aria fresca facevano presagire la fine di quella che stranamente ed incomprensibilmente viene chiamata bella stagione, quando sfogliando fra le fotografie scattate col cellulare vidi che ce n'era una in particolare, che non ritraeva nè una persona nè un paesaggio, ma bensì l'interno di un ristorante (nello specifico, il "Menelao" di Cava de Tirreni). Così mi dissi che sarebbe stato carino iniziare a scrivere un blog dove parlare dei ristoranti che visitavo, descrivendone pietanze, ambientazioni, impressioni, e naturalmente dando il mio giudizio. Così diedi vita ad "Ingiropermangiare" e subito mi resi conto che con un solo prodotto editoriale (seppur amatoriale) ero riuscito a far coesistere in un unico spazio 4 delle 6 cose più belle della vita, e cioè il cibo, la compagnia, il viaggiare e lo scrivere. Iniziai quindi a pubblicare le prime recensioni per testare il terreno, e nonostante critiche ingiustificate, boicottaggi, sfottò del tutto gratuiti vidi che il blog piaceva, raccogliendo consensi e numerose visite (specie nel week end) e creandosi un piccolo seguito nella seppur affollata blogosfera. Con l'inserimento del contatore tutto divenne più chiaro, le visite del sabato si attestavano sempre sul centinaio e i referrer mi indicavano quali fossero i locali più ricercati. A gennaio, l'approdo su Facebook, ha dato una nuova spinta alla popolarità del blog, facendolo crescere sia in termini di visite che di pagine viste. Fra alti e bassi quindi la storia di "Ingiropermangiare" continua, con la certezza di svolgere correttamente ed onestamente la sua missione, e cioè scovare i posti dove mangiare bene spendendo il giusto.
Un grazie quindi a chi mi ha supportato (specialmente a lei...) e a tutti i miei lettori, i membri del gruppo "Quelli che....Ingiropermangiare!", quelli che segnalano, quelli che leggono e naturalmente quelli che mangiano!

martedì 15 dicembre 2009

Antica Masseria Sguazzo

Antica Masseria Sguazzo

Via Dello Statuto 3 - Pontecagnano Faiano (SA)
Tel. 334/8008955 - Aperto il mercoledì, giovedì, venerdì e sabato sera e la domenica a pranzo, oltre ai giorni festivi.
Tipo di cucina : casereccia
Fascia di prezzo : bassa
Valutazione complessiva : 5/5

Come arrivare : dalla statale 18, superate l'abitato di Pontecagnano ed alla rotonda del caseificio Taverna Penta prendete le indicazioni per Faiano. Superate il seminario metropolitano "Giovanni Paolo II" fino ad arrivare alla traversa di via dello Statuto, che troverete alla vostra destra. Ampio parcheggio senza abusivi.

Di una cosa potete essere certi, se venite all'"Antica Masseria Sguazzo" e per un qualsiasi motivo doveste sentirvi male, siete nel posto giusto, trovandosi accanto al locale la sezione operativa, con tanto di ambulanze e personale paramedico, dell'associazione di volontariato Pegaso. Ma non voglio intristirvi con tristi presagi (se avete la r moscia saltate le tre parole precedenti), pertanto
tuffiamoci nelal descrizione di questo nuovo ristorante. L'"Antica Masseria Sguazzo", è, appunto, antica, situandosi in una struttura completamente messa a nuovo risalente al 1820. Talmente messa a nuovo e caratterizzata da lavori in corso che una volta arrivati ci abbiamo messo non poco a capire da dove si entrasse. Il locale è abbastanza ampio, con una profonda sala centrale e alcunitavoli un pò più defilati sulla sinistra. Ci accomodiamo e notiamo dal menù che qui è possibile anche mangiare la pizza, ma come sempre preferiamo fiondarci subito sull'ottimo antipasto, abbastanza classico con bocconcini, posciutto, capicollo, zucchine/melanzane e
zucca grigliate, oltre ad una fettina di focaccia ripiena con ricotta e peperoni ed un pezzetto di parmigiana. Per rimanere leggeri saltiamo a piè pari i primi di terra, per scegliere un ottimo maialino da latte al forno con patate al forno ed una bistecca di vitello con porcini.
Buoni tutti e due i piatti, così come il vino della casa ed il pane. Chiusura con una porzione di torta di biscotti bagnati con ricotta e scaglie di cioccolata, caffè e conto di 70 euro per 4 antipasti, 3 secondi con contorno, mezzo litro di vino, 2 bottiglie di acqua naturale, 1 dolce e 3 caffè. Prezzi onesti per un onesto sabato sera. E l'assistenza sanitaria è compresa nel prezzo.

Anche per questa volta eleggo tutte le portate piatto forteTacklist consigliata : Black Eyed Peas - Meet Me Halfway
Renee Olstead - Christmas In Love

domenica 6 dicembre 2009

Gusto E Sapori

Gusto E Sapori

Via Gaspare 8/10 - Salerno
Tel. 089/2856815 - Chiuso il martedì
Tipo di cucina : casereccia
Fascia di prezzo : medio/bassa
Valutazione complessiva : 5/5

Come arrivare : il ristorante si trova nella salita difronte alla chiesa del Carmine, quindi cercate posto nei dintorni che di solito la sera non è difficile trovarne.

Mi raccomando, a cena finita non vi scappi di pronunciare "Madonna del Carmine, quanto ho mangiato", che la santa riposa lì a due passi e potrebbe sentirvi. Siamo appunto nel quartiere Carmine, in un mercoledì sera autunnale rischiarato dalle famigerate luci d'artista. Il locale è piccolo e raccolto, ed evidentemente gestito da un fan del Vasco nazionale, visto che per tutta la cena bisogna sorbirsi storie improbabili di vite spericolate e Sally che capisce troppo. Il locale offre anche pizze d'asporto e menù a prezzo fisso a pranzo. Ci accomodiamo e coadiuvati dal simpatico cameriere ordiniamo l'antipasto degustazione della casa, che sembra non finire mai : zucca grigliata, zucchine alla scapece, involtini di pancetta, parmigiana di melanzane, tortini di verdure, carciofi, mortadella arrostita, oltre a deliziosi formaggi e salumi, un buon carpaccio di bresaola e grana e dei crostini serviti con quattro tipi diversi di miele. Maestoso, senza mezzi termini. Proseguiamo con un piatto di scialatielli pesto e vongole, deliziosi e ben cotti, ed un piatto di straccetti di vitello in salsa di porcini, che per le enormi porzioni delle portate precedenti lasciamo a metà. Ma il dolce ci vuole sempre, anche se stavolta non si tratta di una piccola porzione ma bensì di un intero piatto di zeppoline calde, profiterol al cioccolato e torta cubana, da far saltare la glicemia alle stelle. Bicchierino di meloncello e conto di 50 euro, di certo non pochi ma in linea con la media cittadina per un antipasto,un primo, un secondo, dolce, liquore, bevande e coperto. Però, Madonna del Carmine, che mangiata!

Come piatto forte propongo tutte le portate
Tracklist consigliata : Daft Punk - Something About Us
Daft Punk - Digital Love

Il Casareccio

Il Casareccio

Via Allende 64 - Baronissi(SA)
Tel. 347/3779341 - Chiuso il lunedì
Tipo di cucina : casereccia
Fascia di prezzo : bassa
Valutazione complessiva : 5/5

Come arrivare : dal raccordo Salerno-Avellino uscite allo svincolo Lancusi e proseguite in direzione Baronissi. Il locale è facile da trovare, si trova al piano terra di una nuova costruzione posta proprio difronte all'entrata del plesso universitario di Baronissi.

Dici "casereccio" e subito ti vengono in mente ristoranti con le tovaglie a scacchi rossi e bianchi, caraffe di vino paesano e salame tagliato spesso. Non è sempre è così, ma il locale in questione si merita appieno tale appellativo. Ci troviamo a pochi passi dal centro di Baronissi e a pochi metri dallo svincolo autostradale. Il locale è aperto da poco (o alemo credo), ed è stato un vero peccato
non averlo scoperto prima. E' sabato, ed avendo prenotato troviamo posto subito, giusto il tempo di apparecchiare. Ci accomodiamo, ordiniamo le bevande (stavolta mezzo litro di rosso perchè non guido!) e, come da prassi consolidata, il regale antipasto del ristorante. Mallone, parmigiana, zuppa di fagioli, castagne e porcini, torte rustiche e vedure grigliate, una goduria per la vista ed il palato. Proseguiamo con un superabbondante piatto di strascinati ai sapori del bosco, con pomodori, porcini e salsiccia, e una porzione di arrosto misto (maiale, vitello e salsiccia) accompagnato da una buona insalata mista. Chiusura con una delizia ai frutti di bosco e meloncello (sempre perchè non guido) e conto di soli 29 euro per tanto ben di dio ed una cucina davvero casereccia, un servizio veloce e tanta cortesia. Consigliato, ma mi raccomando
di prenotare sempre.

Come piatto forte propongo tutte le portate

Tracklist consigliata : Lino Cannavacciuolo - Saltimbanco
Lino Cannavacciuolo - Partenza

Nido Del Falco

Nido Del Falco

Via Casignano - Pellezzano(SA)
Tel. 089/361016 - Chiuso il ?
Tipo di cucina : casereccia
Fascia di prezzo : bassa
Valutazione complessiva : 5/5

Come arrivare : da Salerno, uscite dalla tangenziale a Fratte e prendete la statale 88 in direzione Baronissi. Arrivati alla frazione Aiello, dopo una doppia curva noterete alla vostra sinistra un cartello che indica il locale. Proseguite in tale direzione, superate il passaggio a livello e dopo poco troverete il locale alla vostra sinistra.

Lissù, dove osano le aquile. Ma forse a Pellezzano hanno spesso osato anche i falchi, tanto da costruirci pure un nido, e tanto da dare il nome anche ad un ristorante. Ci troviamo appunto nella simpatica cittadina della valle dell'Irno che già in passato ci aveva deliziato con numerosi ristoranti (Ceraunavolta, Il Girasole, Le Piramidi) per aggiungere al carniere (parlando di uccelli...) un altro ottimo ristorante. Il "Nido Del Falco" è un piccolo e raccolto locale ricavato all'interno di una villetta. Pochi tavoli, luci soffuse, forno per le pizze bene in vista e cucina fortemente radicata al territorio. Ci accomodiamo dopo una ventina di minuti d'attesa, nonostante la prenotazione (si sà, il sabato è carogna) ed ordiniamo per prima cosa il vino della casa, poi l'antipasto misto davvero squisito e dalla composizione classica, e cioè mallone, fagioli con salsiccia, melanzane e zucchine grigliate sott'olio, torte rustiche, polpette e gli immancabili salumi e formaggi, oltre ad un ottima mozzarella, e delle buone bruschette al pomodoro.
L'antipasto è davvero abbondante e, ça va sans dire, bastevole per due persone, così decidiamo di saltare l'ordine delle carni per concentrarci su un delizioso piatto di scialatielli porcini e ceci, questi ultimi ridotti in purea, con il prezzemolo che sta bene su tutto, come il prezzemolo. Non paghi, ordiniamo anche una porzione di ricotta e pere, e poi (paghi, col portafoglio in mano) chiediamo il conto che è di soli 27 euro per un antipasto, un primo, un dolce, bevande, pane e coperto. Decisamente consigliato, ma il sabato ricordate di prenotare.

Come piatto forte propongo l'antipasto e gli scialatielli ceci e porcini
Tracklist consigliata : The Clash - Magnificent Seven
The Clash - The Call Up

Al Convivio

Al Convivio

Via Roma 138 - Piano di Montoro Inferiore(AV)
Tel. 0825/503261 - Chiuso il martedì
Tipo di cucina : casereccia
Fascia di prezzo : medio/bassa
Valutazione complessiva : 3/5

Come arrivare : dal raccordo Salerno-Avellino uscite a Montoro Inferiore e poi proseguite verso la frazione Piano, superate la traversa della stazione in direzione Salerno e troverete il locale alla vostra desta. Si parcheggia lungo la strada o nelle vie limitrofe, senza parcheggiatori abusivi.

Il convivio, oltre ad essere un immortale opera di Dante, è anche un modo altisonante per descrivere un banchetto. L'etimologia, infatti, ci descrive il convivio come parola nata da "cum" e "vivere", cioè vivere assieme. E qual è il modo più bello di vivereassieme se non quello di mangiare? Tornando allo specifico, veniamo a parlare di questo carino locale consigliatomi da un gentilelettore di Facebook.
"Al Convivio" è un locale molto elegante strutturato su due livelli, il primo a piano terra che dà direttamente sul grande forno a legna per le pizze, ed il secondo al primo piano, più raccolto ed intimo al quale si accede dopo qualche rampa di scale.
L'arredamento è ispirato alla moda etnica, mentre le sedie sono in legno scuro e le pareti dipinte in ocra. Ci accomodiamo ed ordiniamo l'antipasto, buono e diverso dalla normalità, che viene servito in un ampio piatto dove troneggia una cocottina con delle ottime polpettine di baccalà che galleggiano su un mare di cipolle stufate. A farle compagnia troviamo una fetta di polenta
ai funghi, una foglia di radicchio con pancetta, unos formatino di verdure, una frittatina ed una melanzana imbottita. Buono e fantasioso, come deve essere un antipasto. Proseguiamo con un primo di terra, e qui purtroppo le aspettative non vengono soddisfatte. I tagliolini al ragù di cinghiale (seppur enormi nella porzione) hanno un sapore troppo dolciastro, appesantiti
inoltre dall'abbondanza di alloro e mirto che coprono completamente il sapore del sugo. Con la tagliata porcini e grana, che qui viene servita su una pietra ollare caldissima direttamente in tavola in modo da continuare la cottura, le cose non migliorano affatto, essendo la carne davvero troppo cruda e un pò troppo nervosa. Cerchiamo di chiudere in bellezza con una sacher torte,
che non viene servita a fette ma sotto forma di pasticcino, ma purtroppo il dolce in questione si rivela essere duro e dal sapore neppure lontanamente riconducibile alla nota prelibatezza viennese. Conto di 37 euro per un antipasto, un primo, un secondo, un dolce e le bevande (due bicchieri di aglianico e l'acqua), non troppo alto ma poteva andare meglio. Forse è stata solo colpa del sabato.

Come piatto forte propongo tutte le pietanzeTracklist consigliata : Pgr - Cronaca Montana
Pgr - Cronaca Del Ritorno

sabato 14 novembre 2009

Al Portico

Al Portico



Via G.Budetti 68 - Pontecagnano Faiano (SA)
Tel. 089/383538 - Chiuso il lunedì - aperto a pranzo
Tipo di cucina : braceria/pizzeria
Fascia di prezzo : medio/bassa
Valutazione complessiva : 5/5

Come arrivare : dall'uscita Pontecagnano della tangenziale proseguite in direzione del centro di Pontecagnano, superate il ponte sul fiume Picentino e poi prendete la prima traversa sulla destra (dove c'è la pizzeria Negri). Troverete il locale dopo poco sulla vostra destra. Il parcheggio c'è ed è all'interno della struttura, senza abusivi, ma nel caso fosse pieno poco più avanti c'è un enorme parcheggio pubblico gratuito.



Per la serie "dove andare a mangiare il mercoledì sera tardi dopo il cinema che si paga poco e ci possono andare anche i pezzenti" vi presento questa new entry, che si trova nell'ormai storica location di via Budetti 68 a Pontecagnano (ex Galleon, ex New Tam Tam,ex boh?). "Al Portico" è una pizzeria-ristorante-braceria davvero molto elegante, ci si accomoda in sedie in corda di nylon e si cena in un ambiente forse un pò troppo illuminato ma comunque piacevole, sottolineato da due schermi che proiettano incessantemente sfilate di moda. Ci posizioniamo proprio di fronte alle due grosse braci per cuocere la carne, che qui sono a vista, mentre invece la cucina ed il forno a legna per le pizze sono un pò più defilati. Dal corposo menù (c'è di tutto, antipasti mare/terra, primi, secondi pizze e dolci) scegliamo un bel tagliere di salumi e formaggi, con prosciutto, salame, bresaola, pancetta, caciotte più o meno stagionate e al peperoncino. Proseguiamo con un bel piatto di ravioli ai porcini, solamente velati da pomodoro e prezzemolo e ripieni di morbida ricotta fresca. Approfittiamo quindi della brace alle nostre spalle per una deliziosa tagliata di entrecote argentina, servita calda in tavola su di un blocco di ghisa per poi essere adagiata nel piatto fra rucola, grana ed aceto balsamico. Buona, tenera, succosa e servita una volta tanto con dei coltelli che tagliano. Da bere un buon aglianico (un bicchiere, e non una bottiglia : pensate che pure i vigili adesso si sono messi a pazziare con i palloncini! Ma dove andremo a finire?) versato in un ampio calice e per chiusura di cena una porzione extra large di tiramisù fatto in casa, buono per davvero. Il conto è di 38 euro, per un tagliere, un primo piatto, entrecote, dolce, acqua vino e coperto. Abbordabile e pienamente meritato. Unico neo, l'attesa un pò troppo prolungata, ma credo che sia stata colpa della tavolata accanto a noi che festeggiava un compleanno. Consigliato, anche perchè a Milano per la stessa location e lo stesso cibo paghereste il doppio.



Anche per questa volta eleggo tutte le portate "piattoforte"

Tracklist consigliata : Bad Lieutenant - Sink Or Swim TurboFunk - Gotta Move

venerdì 6 novembre 2009

'A Funtana

'A Funtana



Via San Leonardo 148 - Salerno
Tel.: 328/9157342 - Chiuso la domenica
Tipo di cucina : casereccia/marinara
Fascia di prezzo : bassa
Valutazione complessiva : 5/5

Come arrivare : dalla tangenziale di Salerno prendete lo svincolo Ospedale, troverete il locale dopo pochi metri sulla vostra sinistra, subito dopo una piccola chiesetta ed in corrispondenza di una fontana. E' anche possibile arrivarci seguendo la viabilità ordinaria e cioè la statale 18 in direzione Pontecagnano.



Mi è capitato spesso di uscire dal cinema con un certo languorino dovuto alla scarsa consistenza dei pop corn consumati fra una scena e l'altra, costosi come un pranzo medio al ristorante cinese e salati come le acque del Mar Morto. Per non impantarmi nei locali della zona fratelli Bandiera, a volte decido di spingermi un pò più in là, ma vuoi per l'orario,vuoi per la distanza del locale prescelto, mi capita spesso di trovare chiuso e di trovarmi a stomaco vuoto. Ma la soluzione c'è, e si chiama "'A Funtana". La trattoria "'A Funtana", si trova, guardacaso, di fronte ad una fontana, in una zona di grande passaggio fra l'ospedale Ruggi D'Aragona e San Giovanni di Dio (facevo prima a scrivere San Leonardo, ma sarebbe stato incorretto) e il mobilificio Aiazzone (provare per credere, ricordate? Comunque è morto). E' un buon ristorante da provare subito dopo il cinema, come dicevo pocanzi, grazie anche al nuovo sottopassaggio, e sappiate che qui si mangia solamente pesce. Chissà poi perchè, a guardar bene ha tutta l'aria di una trattoria dove troveresti dei piatti di terra, ma tant'è, Salerno è pur sempre una città di mare (inquinato). Entriamo dopo aver parcheggiato lungo la strada in divieto di sosta e, accompagnati dal corpulento proprietario, ci accomodiamo e ordiniamo l'antipasto di mare, finalmente diverso dai soliti polipi e gamberi marinati (che pure ci sono, ma non solo), con un ottimo assaggio di totani con patate e delle squisite seppie alla genovese, con tanta cipolla. Deliziose. Bruschette, vino e acqua ci traghettano verso il primo, che è ovviamente di mare, dei buonissimi paccheri con frutti di mare, e poi una saporita e leggera frittura di pesce con alici, triglie e calamari, tutti freschissimi. Purtroppo il dolce non c'è e tocca sopperire con un bicchiere di limoncello per addolcire il palato, conto di soli trenta euro per una leggera cenetta a due passi dalla città. Consigliato.


Il piatto forte della recensione è "paccheri ai frutti di mare"
Tracklist consigliata : Fuck Buttons - Lisbon Maru
Fuck Buttons - Surf Solar

Club Amici Del Peperoncino

Club Amici Del Peperoncino





Via Altimari 13 - Salerno (Giovi)
Tel.: 3338630926 - Chiuso : lunedì
Tipo di cucina : casereccia
Fascia di prezzo : bassa
Valutazione complessiva : 3/5

Come arrivare : premesso che per arrivare al locale si potrebbe anche sfruttare la nuova uscita dell'A3 di San Mango, il modo migliore per arrivare al ristorante è quello di uscire allo svincolo Pastena/Giovi della tangenziale di Salerno e seguire le indicazioni per il locale che iniziano già dal suddetto svincolo. Attenzione : per arrivare al parcheggio del locale è necessario percorrere una discesa parecchio ripida e stretta, durante la quale potreste essere costretti a tornare indietro per l'incontro con qualche vettura che procede in senso contrario al vostro.



E' da un bel pò che mancavo dalle ridenti colline giovesi, sebbene mi fossi ripromesso di tornarci presto per testare un locale che mi era stato consigliato circa un anno fa, e cioè quello di cui ora vi vado a narrare. Il "Club Amici del Peperoncino" si presenta come un classico ristorante a gestione familiare (nel verosenso della parola : si mangia a due passi dalla cucina e sembra davvero di essere invitati a cena dal titolare/padrone di casa). Ci siamo capitati in un sabato sera dove, a nostra insaputa, il menù è fisso e non c'è possibilità di scegliere le portate. Poco male,per me non è un problema, a pensarci bene il menù nei ristoranti è da parecchio che non lo leggo, mi affido tranquillamente ai consigli del cameriere/maitre/titolare o chicchessia. Indi, anche stavolta ci accomodiamo in una sala più piccola rispettoalla principale, occupata da una festa privata, e serviti da due ragazzi evidentemente figli del titolare (o comunque parenti)ordiniamo le bevande e l'intero menù della serata. Si inizia come sempre dall'antipasto, molto ricco e saporito, con bocconcini,cappelle di fungo sott'olio, frittatine di zucchine, melanzane a funghetti, funghi sott'olio, salame a fette, capicollo e prosciutto.Sufficiente, direte voi, ma iniquo, essendo che nei tavoli accanto al nostro ho visto servire anche zucca sott'olio ed altri formaggiche evidentemente dovevano essere serviti anche a noi. Proseguiamo con i primi, davvero buonissimi, un tegamino di gnocchi alle patate con tantoformaggio fuso e un piatto di fusilli e ravioli, caserecci e fatti in casa come del resto tutte le pietanze che si servono in questo locale. Francamente le porzioni sono così abbondanti che non ce la sentiamo di proseguire con la carne, quindi ordiniamo solamente la buoan tortaal cacao della casa e l'amaro, anch'esso fatto in casa e servito in una brocca, con un coppino minuscolo per estrarlo. Tutto bene, direte voi?Ed inveve no : il conto, composto solamente da una cifra tonda tonda, 50 euro (che presumo sia il risultato di due menu a prezzo fisso da 25)ci viene sparato come se avessimo consumato tutto il menù, cosa non vera. Considerate poi che l'attesa è a volte snervante, e capirete il perchèdi questo inusuale 3/5.





Il piatto forte di questa recensione è l'"antipasto misto"
Tracklist consigliata : Mogwai - Fear Satan
Mouse On Mars - Tensual

martedì 6 ottobre 2009

Il Piacere Di...

Il Piacere Di...



Via Casone 27 - Ornito di Giffoni Valle Piana (SA)
Tel.: 338/4991871 (Gerardo) - 338/1886436 (Enzo) - 338/4847244 (Gaetano)
Aperto solo il venerdì, sabato e domenica
Tipo di cucina : casereccia
Fascia di prezzo : bassa
Valutazione complessiva : 5/5


Come arrivare : se non siete pratici delle zone di Giffoni e delle sue frazioni è meglio affidarsi al navigatore, in quanto la frazione Ornito non è segnalata in alcun posto.Ad ogni modo, si può arrivare al ristorante dalla frazione di Santa Mari a Vico, subito dopo la chiesetta girare a destra e proseguire in direzione Giffoni Valle Piana, lungo la strada provinciale 196, oppure arrivare a Giffoni e subito dopo il complesso del cinema Valle girare a destra, sempre sulla 196, fino ad arrivare ad Ornito. Appena vedete le prime case siete arrivati, troverete l'insegna rossa del locale al di sotto di una casa che si arrampica sulla collina. Parcheggio libero al di sopra della struttura.


Il club gastronomico "Il Piacere Di..." ha aperto i battenti da appena due settimane, il 20 settembre per la precisione. Ne sono venuto a conoscenza tramite una locandina trovata per caso in un negozio, proponendomi quanto prima di visitarlo per far cosa gradita sia a me che ai miei eventuali lettori. Così in una domenica autunnale ancora troppocalda per i miei gusti muoviamo alla volta di Ornito, simpatica frazione della cittadina del festival del cinema, che non so se ha a che fare con gli uccelli o meno. Troviamofacilmente il locale, che è semivuoto, prendiamo posto dopo aver atteso un pochetto le attenzioni delle maestranze, attesa spesa nell'osservazione della sala di ristorazione davvero elegante e rustica al tempo stesso, con tanta pietra e colori pastello alle pareti. Iniziamo come sempre con l'antipasto che a dire il vero avrei voluto più abbondante,essendo che quello propostoci oltre ai soliti bocconcini prosciutto pancetta e capicollo aveva solamente due melenzane imbottite, comunque buone. Da bere ci viene proposto un ottimo aglianico imbottigliato a Santa Paolina per conto del ristorante, corposo e servito alla giusta temperatura. Piccola pecca del locale è quella di non servire primila domenica sera a causa dell'assenza dello chef, coì siamo costretti nostro malgrado a ripiegare su un delizioso misto di carne arrosto, con salsicce, costarizze ed agnello, il tutto accompagnato da una buona insalata mista. Al posto del pane a biscotto più volte proposto dal cameriere optiamo per una focaccia appena sfornata, il che ci indica che qui è anche possibile ordinare la pizza. Come gradito dono dopo la carne ci viene offerto un cestino di castagne, che mi commuovono sia per il gesto ma soprattutto perchèmi ricordano che è iniziato l'autunno, la stagione più bella dell'anno poichè è anche la più lontana da quello schifo dell'estate. Chiudiamo in bellezza con una torta che definrie deliziosa è poco, e cioè la "mela e noci" che poi ho saputo essere prodotta dalla pasticceria "Festival", una squisitezza composta da un letto croccante di noci sulquale viena adagiato una mousse di mela e cannela, che davvero si scioglie in bocca. Da provare, credetemi. Un meloncello e chiediamo il conto che è di soli 29 euro,coperto e bevande comprese. I puntini sospensivi del ristorante quindi riempiteli voi, a seconda di cosa vi faccia piacere. Da ritornarci, soprattutto per provare i primi e riassaggiare di nuovo la torta.





I piatti forti di questa recensione sono la carne alla brace e la torta mele e noci
Tracklist consigliata : Basement Jaxx-Feelings Gone
Dj Tiesto - Escape Me

mercoledì 30 settembre 2009

Sant'Alfonso

Sant'Alfonso

Via Sant' Alfonso, 6 - Furore (SA)
Tel.: 089 830515 - Chiuso : mai
Tipo di cucina : casereccia
Fascia di prezzo : medio/bassa
Valutazione complessiva : 5/5

Come arrivare : da Salerno, percorrete la statale 163 fino a superare Amalfi, quindi proseguite per Agerola/Pogerola e poi per Furore. Arrivati in paese troverete le indicazioni per l'agriturismo che si trova sul versante di una montagna che affaccia direttamente sulla costa. Si parcheggia nello spiazzo sovrastante e si percorrono a piedi i circa 100 scalini che vi separano dalla struttura.

Furore, che secondo alcuni prende nome dalla particolare intensità delle onde che si infrangono sulle sue coste, si trova più o meno a metà strada fra la città di Salerno e quella di Napoli, cioè fra due delle più popolate province d'italia. E allora mi chiedo com'è possibile che in una mitissima serata di inizio autunno in un grazioso agriturismo come il “Sant'Alfonso” gli italiani siano praticamente assenti (a parte noi?). Forse che inglesi, tedeschi e francesi siano più vicini alla costiera amalfitana, oppure semplicemente siano più sensibili al richiamo del bello? Mah. L'agriturismo in oggetto si trova al di sotto di un picco roccioso all'interno di un vecchio casale del 600 finemente ristrutturato, che si affaccaia direttamente sul mare. Grazie al clima ancora mite, è possibile ancora mangiare fuori, non godendo purtroppo a causa dell'oscurità del meraviglioso panorama che si offrirebbe ai nostri occhi. Ci accomodiamo ad un bel tavolo rotondo e dopo poco il gentile cameriere ci elenca verbalmente i piatti. qui si mangia di terra, vista anche l'altitudine, così iniziamo con l'antipasto misto di bocconcini e ricotta della vicina Agerola, fiori di zucca ripieni di mozzarella, carciofini sott'olio, pomodori secchi , torte rustiche agli spinaci, arancini di riso, calzoncelli alla ricotta, popacelle ripiene e prosciutto. in una parola, squisito. Proseguiamo con i primi, che qui cambiano spesso, e che stavolta sono gnocchi alla sorrentina e crespelle mozzarella e funghi porcini, entramb ottimi e abbondanti. Dolce chiusura con l'immancabile ricotta e pera (fatta in casa) e con una delizia al limone, mirto per digerire e conto di soli 35 euro totali. Ogni tanto, vale la pena fare qualche chilometro in più, anche perchè poi ci si può fermare a dormire in un posto meraviglioso dove l'unico rumore che sentirete sarà il vostro respiro.

Il piatto forte di questa recensione è "crespelle ai funghi porcini"

Tracklist consigliata : Swing Out Sisters - Am I The Same Girl

Télépopmusik-Breathe

Da Sasà

Da Sasà

Via Degli Orti, 22 - Salerno (SA)
Tel.: 089/220330 - Chiuso il ?
Tipo di cucina : caserecci/marinara
Fascia di prezzo : medio/bassa
Valutazione complessiva : 5/5

Come arrivare : il locale si trova nei pressi di Corso Vittorio Emanuele, quindi non pensate di trovare facilmente parcheggio nei paraggi. Potete provare al parcheggio del trincerone, o nelle strisce blu circostanti piazza Malta o direttamente nel parchegio sotterraneo della suddetta piazza.

E' sempre un piacere scoprire che esistono dei ristoranti simili. Dei posti dove si viene accolti come amici, dove buona parte dei commensali sono degli habituè (ma non per questo vengono trattati meglio e prima degli altri) e dove si respira un'aria davvero conviviale. “Da sasà” è appunto un ristorante così, raccolto e ben gestito dal simpatico titolare. I più ricorderanno la vecchia sede di via Diaz, mentre ora siamo in via degli Orti, proprio dietro la banca “monte dei paschi di siena” sul Corso Vittorio Emanuele. Arrivati verso le nove il ristorante è già quasi pieno, ma nonostante ciò riusciamo a trovare un posto dove sedere. Appena accomodati ordiniamo acqua e vino della casa per poi tuffarci sull'antipasto di mare della casa, che è composto da un insalata di polipo fresca, alici impanate, frittelline di alghe calde calde e crocchette di patate. Dalla vasta scelta di primi scegliamo delle buone lagane ceci e cozze e un bel piatto di tubetti al coccio, cioè le gallinelle di mare, che ci vengono portate intere in un piatto a parte per poi essere unite alla pasta. Entrambi i primi sono più che abbondanti e ben cotti, ma c'è ancora lo spazio per una buona frittura di alici, triglie e calamari con qualche gambero a fare compagnia, senza contorno che non ce n'è bisogno, quando una frittura merita. Per dolce una porzione di cassata e come digestivo un bicchierino di limoncello. Conto di appena 40 euro per tanta freschezza in tavola, servizio veloce e cortese a due passi (reali) dal corso cittadino.

Il piatto forte di questa recensione è "tubetti al coccio"

Tracklist consigliata : Kings Of Convenience - Mrs Cold Whitney Houston - Million Dollar Bill


sabato 19 settembre 2009

Angolo Masuccio



Angolo Masuccio


Via Masuccio Salernitano 45 - Salerno
Tel.: 333/6953085 - Chiuso il martedì e la domenica sera fino a giugno, da giugno chiuso la domenica a pranzo e il martedì
Tipo di cucina : casereccia
Fascia di prezzo : medio/bassa
Valutazione complessiva : 5/5

Come arrivare : il locale si trova in una zona pedonale (non poteva essere altrimenti!), quindi il parcheggio è un pò problematico. In ogni caso, si può cercare parcheggio nei dintorni ricordando che nelle strisce blu si paga sino alle ore 21 esclusi i giorni festivi in cui la sosta è gratuita. Il ristorante si trova all'incirca all'altezza del bar Embarcadero.

Prima premessa di carattere storico : Masuccio Salernitano era uno scrittore, di origine salernitana, il cui libro "Il Novellino", per il forte contenuto anticlericale,fu inserito ne l' "Index Librorum Proibitorum", l'elenco dei libri proibiti stilato dalla Santa Inquisizione. Una figura di stretta attualità quindi, viste le vicissitudini della libertà di stampa in Italia. Da questa figura storica prende il nome la via, parallela a via Dei Mercanti, che ospita l'osteria di cui andremo a parlare. Il ristorante in oggetto si presenta come un posto davvero molto raccolto, non più di tre tavoli al suo interno e qualcosa in più fuori, tempo permettendo. Essendo una serata un pò umida, decidiamo comunque di accomodarci all'interno, decisamente molto caratteristico. Il locale come dicevo ha pochi tavoli, e per razionalizzare gli spazi la cucina si trova ad un livello superiore al quale si accede da una scala a chiocciola. Ci accomodiamo e subito ordiniamo le bevande, acqua e vino rosso di produzione locale, poi partiamo con i deliziosi antipastiche una volta tanto esulano dal classico prosciutto e bocconcini. Su di un piatto troviamo infatti ben adagiate melanzane arrostite, un involtino di patate e mortadella, una frittatinadi cipolle rosse di Tropea, un mezzo peperone imbottito ed un medaglione di parmigiana di melanzane. Tutto ottimo, tutto delizioso, e nel piatto ovviamente non rimane nemmenouna briciola. Passiamo quindi al'ordinazione del primo, dal quale scegliamo un piatto povero, ma che se se fatto davvero bene risulta delizioso, lo scarpariello. Seconda premessadi carattere storico : lo scarpariello prende nome dall'usanza dei calzolai di preparare un piatto molto semplice e dall'esecuzione rapida durante le pause lavorative, usandospesso come ingredienti i pezzi di formaggio che la clientela meno abbiente usava come pagamento in natura. Lo scarpariello che potete assaggiare in questo locale è davvero ottimo,e talmente abbondante che un piatto basta e avanza per due, con tanto sugo e formaggio e una bella guarnizione di basilico che non guasta mai. Proseguiamo ordinando una deliziosa salsiccia alla brace con provola, cotta al punto giusto e succosa, e poi chiudiamo con la panna cotta al cioccolato ed un meloncello. Conto di 44 euro che ci vengono depennatia 40, impressione più che positiva di un ristorante che avrei fatto meglio a conoscere prima. Ma c'è sempre tempo.


Per questa recensione non c'è un solo piatto forte, ma tutte le portate.



Tracklist consigliata : CCCP - A Ja Ljublju SSSR

CCCP - Morire

La Terrazza Di Pulecenella

La Terrazza Di Pulecenella

Via Scavate Case Rosse 88 - Salerno
Tel.:089384832- Chiuso il ?
Tipo di cucina : pizza e solo pizza
Fascia di prezzo : medio/bassa
Valutazione complessiva : 5/5
Come arrivare : nonostante in molti credano che la pizzeria si trovi a Pontecagnano, in realtà il locale si trova completamente nel comune di Salerno, essendo alla destra del fiume Picentino che funge da confine fra le due città. Arrivarci è molto semplice, basta uscire dalla tangenziale allo svincolo di Pontecagnano e proseguire in direzione del bowling, senza girare però a sinistra in direzione della struttura ludica ma proseguendo verso la linea ferrovia. Troverete delle persone che aspettano fuori il proprio turno ma non un'insegna, quindi fermatevi e trovate parcheggio nei dintorni. Vivamente consigliata la prenotazione, poichè i coperti sono davvero pochi.

In circa due anni di bloggheggiamento, mi sono dedicato molto raramente alle pizzerie tout court, un pò perchè non adoro la pizza, un pò perchè trovarne una davvero buona è un impresa.Ma ogni impresa degna di tale nome può essere affrontata e superata, quindi vi parlerò di una pizzeria che vale davvero la pena provare, sempre che non la conosciate già. Sto parlando ovviamente della pizzeria "La Terrazza Di Pulecenella", un locale molto spartano ma davvero imbattibile nella sostanza. Trovarlo, se si sà dov'è, è semplice, altrimenti potrebbe risultareun pò problematico in quanto non dotato nemmeno di insegna. La pizzeria è davvero piccola, una saletta ricavata in una vecchia stanza in pietra con soffitto a cupola, ed un trompe l'œil a far da parete. Ci si accomoda (se c'è posto) e si ordinano le pizze che qui hanno tutte i nomi di famose località turistiche campane, sia della costiera cilentana che amalfitana,oltre alle più classiche margherite & co. Poche concessioni agli sfizi, al massimo l'attesa della pizza può essere interrotta da un piattino di deliziose ciliegine di bufala, ma vale la pena aspettare e mangiarle direttamente sulla pizza. Il servizio è molto veloce, anche se è sabato, soprattutto per assicurare il veloce ricambio dei tavoli, così pochi minuti dopole bevande si materializza sotto i miei occhi una deliziosa margherita all'antipasto (non so come la chiamano, ma io essendo orfano di Ciripizza la chiamo ancora così) con cinque deliziose ciliegine di bufala e tanto prosciutto crudo (messo all'uscita del forno, ovviamente). Pizza straordinariamente buona, soffice e dal bordo alto, che sazia senza riempire troppo. Si chiude purtroppo senza dolce, ma non ne facciamo un dramma, 18 euro per due pizze con birra e acqua non è propriamente un prezzo basso ma come sempre la qualità si paga.


Il piatto forte della recensione è ovviamente la "pizza"


Tracklist consigliata : Editors - An End Has A Start

The Libertines - Can't Stand Me Now

sabato 29 agosto 2009

Fondo Lazzaro

Fondo Lazzaro

Via Campigliano - San Cipriano Picentino (SA)
Tel. 089/882068 - 340/2640922 - Chiuso il Martedì
Tipo di cucina : casereccia
Fascia di prezzo : bassa
Valutazione complessiva : 5/5

Come arrivare : da Fuorni, superate il carcere e poi il cementificio in direzione Giffoni. Poco prima del bivio che porta a Filetta troverete sia l'insegna del ristorante che quella della palestra "Mary Regalino", girate lì e troverete dopo circa 100 metri il locale. Ampio e libero parcheggio.

Avevo proprio bisogno di un posto come "Fondo Lazzaro". Dopo qualche locale più o meno schiccoso è stata uan gioia trovare un ristorante casereccio nel vero senso della parola, con la mamma ai fornelli, le figlie che servono in tavola e gli uomini che si prendono cura dell'orto
dal quale si ricavano le verdure che si possono mangiare poi a tavola. Difatti, più che di un ristorante parliamo di un vero e proprio agriturismo, con tanto di camere per poter pernottare. Ma ora limitiamoci a parlare della ristorazione. Il ristorante si presenta da subitoben arredato, con una grande sala con tavoli in legno e sedie robuste, ed una credenza antica che alla modernità ha concesso una radio ed un televisore. Si può anche mangiare fuori su degli spartani tavoli bianchi in plastica, e godere di un bel venticello fresco. Iniziamo il desinare con l'obbligatorio antipasto della casa, che qui è davvero delizioso. Parmigiana di melanzane, zucchine alla scapece,
friarielli e pomodorini, melanzane a funghetto ed ancora bocconcini con prosciutto, capicollo e pancetta. Ah, dimenticavo la presenza di uno squisito involtino di patate e pancetta. Già pieni, complice il pane casereccio e le scarpette, ordiniamo due splendidi primi piatti, delle cortecce melanzane e provola e delle tagliatelle alla bolognese che, date le porzioni, basterebbero tranquillamente per quattro. Si potrebbe anche continuare con carne oppure pizza, ma francamente non ce la sentiamo. Unica nota dolente l'assenza dei dolci (in quasi due anni di attività, è la seconda volta che mi accade!), ma tutto passa in secondo piano davanti ad un conto di soli 27 euro conmpreso vino (buono e pesante come tradizione sanciprianese) acqua e coperto, ed un limoncello per la laboriosa digestione che ci aspetta. Non lo faccio mai, ma qui di sicuro ci ritorno. Anche perchè voglio il dolce.

Per questa recensione, i piatti forti sono due : "tagliatelle alla bolognese" e "antipasto misto"
Tracklist consigliata : Negrita - Gioia Infinita
Madonna - Celebration

Il Cucciolo


Il Cucciolo

Via Gregorio Francesco
- Capaccio (SA)
Tel 0828/851826 - Chiuso il ?
Tipo di cucina : casereccia/marinara
Fascia di prezzo : medio/bassa
Valutazione complessiva : 5/5

Come arrivare : dalla litoranea, proseguite in direzione Agropoli, troverete il locale poco prima della lunga fila degli hotel di Capaccio. Dalla statale 18 girate a destra in direzione Gromola, poi seguite come sopra. Ampio parcheggio non abusivizzato.

Non ho idea del perchè questo locale si chiami così, fatto stà che "Il Cucciolo" è un ottimo ristorante dove mangiare ottime pietanze sia di mare che di terra, e non c'entra niente nè con i cani nè con i sette nani. Siamo nei pressi delal litoranea, a due passi dal mare e dalle prime montagne cilentane, e ciò forse giustifica la scelta del menù equamente diviso fra pesce e carne. Ma stavoltapreferiamo optare per il mare, anche perchè più consono alla calura agostana. Il locale, sempre molto pieno, motivo per il quale conviene prenotare, è dotato di due sale, una grande situata appena si entra, ed un altra più piccola separata da un piccolo gradino e per questo un pò più elevata. Ci accomodiamo e ordianiamo subito l'antipasto misto, che qui è sia di mare che di terra. Difatti, accanto alla classica insalata di mare arrivano degli involtini di melenzane, poi delle conchiglie (nel senso di quelle dure, non il formato di pasta) ripiene
di purè di patate, e un insalata mista di ceci e olive con bruschette. Vino della casa discreto che scende giù che è una bellezza. Tra l'ampia offerta di primi scegliamo delle ottime trofie ai frutti di mare, e un risotto con crema di gamberi e salsa aurora, squisito ed abbondante. Già sazi, ordiniamo semplicemente una fetta di cubana ed un limoncello prima di andar via. Come dicevo, è anche possibile ordinare sia pietanze di carne che di pesce per secondo, ed in questi giorni di calura vi sono anche dei tavoli all'aperto, se non sopportate l'aria condizionata che è un pò forte. Conto di circa 50 euro, ampiamente giustificati dalla quantità e dalla qualità delle pietanze.

Il piatto forte della recensione è "trofie ai frutti di mare"
Tracklist consigliata : David Guetta - When Love Takes Over
Empire Of The Sun - We Are The People

La Sosta

La Sosta

Via Costiera 6 - Vietri Sul Mare (SA)
Tel. 089/211790 - Chiuso il mercoledì
Tipo di cucina : casereccia/marinara
Fascia di prezzo : medio/bassa
Valutazione complessiva : 5/5

Come arrivare : trovare "La Sosta" è davvero molto semplice, vi basta proseguire sulla statale 163 amalfitana in direzione Amalfi e lo troverete subito alla vostra destra, dopo la piazzetta di Vietri. Si parcheggia di fronte, nella discesa che porta agli uffici comunali, o sul ciglio della strada fra i platani secolari. Non ci sono abusivi nei paraggi.

Prima di avventurarsi per la faticosa statale 163 Amalfitana, o al ritorno da essa, è meglio concedersi una sosta. E quale locale meglio de "La Sosta"? Situato subito dopo l'inizio della suddetta arteria, il ristorante-pizzeria si trova all'interno di un vecchio locale adibito al cambio dei cavalli. Il ristorante, al quale si accede dopo aver percorso uno stretto e basso corridoio a volta, è composto da due sale, una grande situata subito dopo il forno a legna, ed un altra più piccola dietro un arco. Ci accomodiamo nella sala principale, dove si mangia direttamente su una
panca incastonata nel muro ma comunque resa morbida da cuscini in pelle. Il gentile cameriere viene subito a prendere le ordinazioni delle bibite (vino della casa, buono e leggermente
frizzante, ed acqua naturale) e delle pietanze. Cominciamo con l'antipasto misto mare, finalmente diverso da quelli proposti negli altri ristoranti, e cioè composto da gamberetti
con zucchine alla scapece e pesto, salmone marinato con pomodorini e una deliziosa frittura mista di ciacianielli in pastella (buonissimi!), alghe in pasta cresciuta e moscardini. Proseguiamo
con due primi di terra, un classico spaghetto alle vongole cotto davvero al dente e pieno dei deliziosi frutti di mare, e delel linguine agli scampi forse con troppo pomodoro, ma comunque
buone e dalla porzione più che abbondante, così come gli spaghetti. Giacchè è festa e siamo in vacanza, scegliamo due dolci, una ghiottona mandorle e cioccolato ed una più tradizionale
delizia al limone, entrambe portate in tavola su di un carrello per dolci. Limoncello di commiato, e conto di 50 euro circa, nè pochi nè tanti, considerando che siamo in costiera amalfitana. P.s.: c'è anche la pizza.

Il piatto forte di questa recensione è "linguine agli scampi"

Tracklist consigliata : Lady Gaga - Paparazzi
Ciara - Love Sexy Magic

sabato 1 agosto 2009

Dal Contadino




Dal Contadino



Via Marotta 96 - San Cipriano Picentino (SA)
Tel. 089/861140 - Chiuso il ?
Tipo di cucina : casereccia
Fascia di prezzo : bassa
Valutazione complessiva : 5/5



Come arrivare : ormai sembra che anche per San Cipriano valga il detto riferito a Roma, cioè che tutte le strade vi ci portano. Quindi se siete animati da spirito pioneristico potete approfittare del nuovo svincolo dell'A3 di San Mango Piemonte, oppure arrivare da Filetta, oppure da Campigliano. In ogni caso arrivati in paese superate la piazzatta principale con la fontana, girate nella discesa sulla sinistra e troverete subito il locale, con due parcheggi interni senza abusivi. Consigliata la prenotazione.



Anche se ormai siamo ad agosto, Ingiropermangiare non va in ferie e stavolta vi porta per mano alla scoperta del ristorante “Dal Contadino”. Siamo in estate, ed ovviamente si pranza all'aperto, su tavoli e sedie (purtroppo) di plastica, ma che vanno comunque bene per allestire rapidamente una sala esterna. A delimitare la sala una recinzione metallica, ed in fondo un ampia brace dove un bravo braciere (si chiamerà così il tipo che arrostisce? bah!) padroneggia con disinvoltura, è proprio il caso di dire, i ferri del mestiere. Ci accomodiamo al tavolo precedentemente prenotato (consigliato, specie se è sabato è c'è una tavolata chilometrica intenta a festeggiare un battesimo) ed ordiniamo l'antipasto misto, povero nelle sue semplici fette di salumi, olive e bocconcini, risollevato in parte da un piatto di frittele di alghe calde calde omaggiate dalla casa. Si prosegue affidandoci ai consigli della cameriera, che ci propone un buon piatto di strascinati friarielli (peperoncini verdi amarognoli) e fichi. Per chi non lo sapesse, gli strascinati sono dei dischi di pasta dalla grandezza di una moneta da due euro, abbastanza sottili e che tengono bene la cottura. Il piatto non è male, anche perchè la dolcezza dei fichi mitiga il sapore amaro dei friarielli. Continuamo con una buona grigliata mista che, haimè, ci mette quasi mezz'ora ad arrivare, vabbè che è sabato, ma queste sono le cose che fanno arrabbiare Ingiropermangiare e gli fanno mettere i voti bassi. In ogni caso la carne è buona, specie il cinghiale, che non è facile trovare in tutti i ristoranti, ma anche il vitello e la salsiccia di maiale. Insalata mista d'accompagnamento e vino paesano molto forte ed aspro, un po' come quello che si beve alla vicina “Masseria”. Chiusura con una porzione di crema catalana un po' troppo caramellizzata in superfice e conto di soli 30 euro totali. Un piccolo saluto alle bestie nel recinto (due cerbiatti e tre pavoni) prima di andare via e ritornare nella calura cittadina (lissù ci sono circa 5 gradi in meno rispetto a Salerno city, pensateci stasera quando la schiena vi si attacca alla sedia...), soldi comunque ben spesi e cibo indubbiamente di buona qualità. Per i pizzofili forno a legna ed ampia scelta di gusti, anche a metro.





Il piatto forte della recensione è "strascinati fichi e friarielli"

Tracklist consigliata : Shakira - She Wolf Lily Allen - Not Fair

venerdì 17 luglio 2009

Lady Mary




Lady Mary
C.so Umberto I 100 - Prignano Cilento (SA)
Tel.: 0974/831340 - Chiuso il ?
Tipo di cucina : casereccia/cilentana
Fascia di prezzo : bassa
Valutazione complessiva : 5/5

Come arrivare : dalla variante SS18 proseguite in direzione sud fino allo svincolo Prignano Cilento, seguite le indicazioni per il paese fino a trovare il locale appena arrivati sul corso principale del paese, girando subito a destra. Ampio parcheggio non abusivizzato, che però a causa della grande affluenza di pubblico si riempe presto. Si può comunque parcheggiare lungo la strada senza scocciatori.

Siamo in piena estate (un altra volta, ma tutte gli anni la stessa maledizione?), molti di voi lettori saranno in vacanza, alcuni si appropinquano a partire, quindi stavolta voglio consigliarvi caldamente (c'è ancora bisogno di caldo, eh?) questo ristorante di Prignano Cilento, facilmente raggiungibile se vi trovate a villeggiare fra Agropoli, Ascea, Acciaroli ed Agnone (ho messo solo località che iniziano con la A, se mi chiamavo Vincenzo scrivevo Varcaturo, Vigliena, Volla e cose così). Il locale è composto da un ampia sala interna, e per le belle serate estive c'è anche la veranda coperta, dove le donne cenano con la giacca sulle spalle e gli uomini in canotta. La percezione della temperatura da parte delle donne per me rimarrà sempre un mistero. Ci accomodiamo in veranda, ordiniamo le bevande e l'antipasto che qui è davvero da premio Nobel : adagiati su di un vassoio metallico che sembra una cornucopia trovano degna collocazione frittelle di fiori di zucca, medaglioni di melanzane e zucchine fritte, tortini di verza e patate, rotolini di mortadella ripieni, frittatine di zucchine, ai quali non contento ho aggiunto anche una porzione di prosciutto e bocconcini, per far compagnia. Non starò qui a dirvi che un antipasto del genere sazia quasi come un intero pranzo, altrimenti potreste pensare di evitare i primi, che qui sono eccezionali come nella migliore tradizione cilentana, e cioè fusilli tirati a mano (un pò più larghi nel mezzo rispetto a quelli di Felitto) e ravioli ripieni di ricotta grossi come una mano. A scelta è possibile continuare o con la pizza o con una buoan selezione di carni, ma sarà per la prossima volta. Si chiude (la cena, non il pantalone : per quello ci vuole una taglia in più!) con una porzione di torta cocco e nutella, presumibilmente della pasticceria Bella Napoli di Salerno. Conto irrisorio di soli 24 euro, i migliori soldi spesi finora fra Agropoli e dintorni. Bravi!

Per questa recensione i piatti forti sono due : l'antipasto ed i ravioli



Tracklist consigliata : The Noisettes - Don't Upset The Rhythm Nelly Furtado - Manos Al Aire

La Dea Dell'Abbondanza

La Dea Dell'Abbondanza





Via Via A. De Gasperi, 31 - Agropoli (SA)
Tel.: 0974/823859- Chiuso il ?
Tipo di cucina : casereccia/marinara
Fascia di prezzo : bassa
Valutazione complessiva : 3/3

Come arrivare : il ristorante si trova sulla strada che conduce alla superstrada partendo dal centro di Agropoli, praticamente una volta superato il fiumiciattolo nei pressi di Agropoli Sud e seguito i sensi unici in direzione Salerno dovreste trovarvelo alla vostra destra. Si parcheggia lungo la strada senza abusivi.



Agropoli, come scrissi in una recensione dell'anno scorso che provocò una qualche polemica, è la città alta, ma ovviamente una città alta presuppone anche una parte bassa. Nello specifico, la parte bassa di Agropoli è quella sorta ad uso e consumo delle frotte di turisti che nel periodo estivo decuplicano la popolazione di questa ridente cittadina. Nei pressi del centro si trova il ristorante “La Dea Dell' Abbondanza”, ristorante a vocazione popolare, ben arredato e dalla tipica atmosfera da trattoria. pochi fronzoli e tanta sostanza, vi basti pensare che il menù qui è scritto direttamente sulla tovaglietta di carta che copre il tavolo. Il locale è dotato di due sale, una più grande, che si trova appena entrati, ed una più piccola, situata in un piccolo soppalco. ci accomodiamo dentro, anche se si potrebbe stare anche fuori, ma i tavoli che danno sulla strada sono tutti occupati. Dopo pochi minuti d'attesa ci accomodiamo e ordiniamo subito i primi, decidendo di saltare gli antipasti che di solito, quando si chiamano "di mare", non sono mai un granchè. Optiamo quindi per delle linguine ai frutti di mare, dalle porzioni più che generose ma dall'esecuzione non propriamente perfetta : vi si trovano solamente vongole e cozze e qualche pomodorino. proseguiamo quindi con una grigliata mista di seppie, pesce spada e gamberi, buona ma piccola nella porzione, ed un insalata mista servita scondita e senza nemmeno aver portato il menage a tavola. Degna di nota la scortesia dei camerieri, che appena vedono un piatto vuoto (o semivuoto) si fiondano sotto il naso dell'avventore per toglierglielo. Per riprenderci dall'amarezza del servizio ordiniamo una ricotta e pere, classica e gustosa chiosa serale.Conto di 27 euro comprese bevande (acqua naturale ed una bottiglia di bianco da 37 cl), decisamente basso ma sicuramente si può dare di più, sia nella qualità dei cibi che nel servizio. C'è anche la pizza, ovviamente cotta a legna e dall'aspetto decisamente invitante.





Il piatto forte della recensione è "linguine ai frutti di mare"


Tracklist consigliata : Kap Bambino - Lezard Crystal Castles - Vanished

Agriturismo Moscato

Agriturismo Moscato

Via Prov. Camaldoli - Campagna (SA)
Tel.: 0828/49210 - 335/5271203 Chiuso il ?
Tipo di cucina : casereccia
Fascia di prezzo : bassa
Valutazione complessiva : 5/5

Come arrivare : come ovvio uscite dalla A3 allo svincolo di Campagna, proseguite in direzione del centro cittadino fino ad arrivare ad una piccola rotatoria dove è affisso un cartello giallo che pubblicizza il locale. Seguitelo e state attenti alla ripetizione del segnale, cercate comunque di chiedere informazioni se vi capita di trovare qualcuno per strada. Ampio parcheggio senza abusivi. Importantissima la prenotazione, altrimenti rischiate di aver fatto un sacco di chilometri a vuoto.

Quasi quasi, facevo prima a parlare con Obama. Riesco ad avere l'onore di mangiare a l '"Agriturismo Moscato" dopo ben 4 tentativi andati a vuoto (chiusi/pieni/pieni/pieni), ma tanta attesa e tanto digiuno propiziatorio valevano comunque la pena. Avevo letto molto (e bene) di questo locale prima da un mio affezionato lettore e poi grazie all'ottima recensione di Mangiandocommentando, così decisi che era un obbligo morale recarmi qui, ma non pensavo che sarebbe stato così difficile! Evidentemente, il locale è ben conosciuto e ben frequentato, quindi solamente in un sabato di luglio già troppo caldo per i miei gusti mi è stato possibile arrivare qui, forse a causa delle poche prenotazioni dovute all'imminente prova costume. Ma come diceva qualcuno, non si ingrassa da Natale a Capodanno, ma da Capodanno a Natale. L'agriturismo si trova sul fianco di una collina per niente semplice da raggiungere, nella frazione Puglietta di Campagna. E' costituito da una semplice sala interna abbastanza ampia e ben arredata, ma in estate il personale sarà ben lieto di approntare un tavolo volante in veranda. Volante nel senso di provvisorio, non abbiate paura per le vostre pietanze. Ci accomodiamo al tavolo rigorosamente prenotato (è l'unica, altrimenti scordatevi di mangiare) e subito ci viene portata l'acqua ed il vino rosso. Così vi voglio, decisi e sicuri. Partiamo quindi con l'antipasto che qui è un vero tour de force, fra sperlonghe intere di zucche grigliate e melenzane sott'olio, prosciutto e bocconcini, torte rustiche alla ricotta e ai salumi misti, parmigiana di melanzane, olive e focacce fatte in casa, e quando credevi che fosse finita ti portano un piatto di patate e zucchine cucinate a mò di ciambotta, deliziose. Continuamo con un primo, anche se decisamente sazi, un bel piatto di lagane e fagioli stracolmo, un pò pesante ma comunque strepitoso. Torta ai frutti di bosco fatta in casa come tutto il resto ed un caffè, spesa totale di soli 19 euro. Stavolta la fama che precedeva il locale è stata completamente confermata. Grazie a tutti coloro che ne hanno parlato, e grazie al personale dell'agriturismo Moscato.

Il piatto forte della recensione è "lagane con fagioli"

Tracklist consigliata : You Love Her Coz She's Dead - Dead End You Love Her Coz She's Dead - Blood Lust

venerdì 3 luglio 2009

Il Gatto E La Volpe







Via Giannattasio 10 - Sieti di Giffoni Sei Casali (SA)
Tel.: 089883605 / Cell.: 3479544261 / 3476190936 - Chiuso il lunedì
Tipo di cucina : casereccia
Fascia di prezzo : bassa
Valutazione complessiva : 5/5



Come arrivare : da Fuorni, procedete in direzione del cementificio di Campigliano, poi per Giffoni Sei Casali e quindi per Sieti. Attenzione, il locale non si trova su Via Giannattasio ma su di una strada laterale in salita, molto stretta, lungo la quale è anche possibile parcheggiare. Nessun parcheggiatore abusivo nei paraggi.



Sieti di sicuro non è Collodi, e questo lo sapevamo già. Il gatto e la volpe li incontrerete comunque se vi recate al ristorante omonimo, ma non prenderanno i vostri denari per piantarli e rubarli nottetempo come nella fiaba di Pinocchio (questo sicuramente vi può capitare in qualsiasi banca, specialmente di questi tempi), piuttosto ad una modica cifra vi offriranno un viaggio nei colori e nei sapori dei monti picentini. Ironia della sorte, i due camerieri che si prendono cura di noi ricordano anche fisicamente il gatto e la volpe, uno più magro, l'altro decisamente più in carne. Il ristorante si presenta subito con un ampia sala interna, che lascia poi lo spazio ad alcune salette più piccole ed al giardino interno, dov'è possibile cenare in estate, e dove noi ci siamo accomodati. Qui non c'è menù, ma a volte è meglio così, anche perchè in alcuni ristoranti i piatti cambiano spesso in virtù della stagionalità delle materie prime. Quindi, dalla bocca del primo cameriere (gatto) ascoltiamo con attenzione l'elenco dei piatti disponibili, dal quale ovviamente scegliamo per prima cosa l'antipasto, che qui fra i monti picentini è sempre una sorpresa. Difatti, accompagnato dal pane fatto in casa (strepitoso quello con semi di sesamo) si materializza sotto i nostri occhi un faraonico antipasto misto con ricotta al forno, melenzane imbottite, gateau di patate, frittelle di fiori di zucca ripieni di ricotta (differenti da quelle di "Albachiara", in quanto impanate e non solo inuovate), finocchiona, coppa e prosciutto. Una bomba. Dimenticavo, c'è anche uno strudel di verdure e delle pizzette fritte con pomodoro e formaggio grattuggiato. Un antipasto che vale dunque come un pranzo completo, ma continuamo comunque alla scoperta dei primi, dai quali scegliamo tagliatelle (fatte in casa) con porcini, fiori di zucca e pomodorini e dei ravioli ripieni alle melenzane, buoni entrambi ma che purtroppo in bocca risultano un pò crudi (colpa del sabato, quando c'è tanta gente ed anche i migliori ristoranti fanno le cose di fretta per accontentare tutti...). Le porzioni sono molto abbondanti, tanto che non ce la sentiamo di continuare con carni oppure pizze (rigorosamente cotte a legna). Optiamo per un dolce, una torta ricotta e frutti di bosco, ma anche questo, a causa della grossa porzione avanza, tanto che il secondo cameriere (volpe) viene a lamentarsi del nostro lascito. In chiusura di serata ci raggiunge nel giardino anche lo chef con tanto di cappello bianco, a prendere i meritati complimenti, mentre noi prendiamo il caffè e guardiamo il conto di soli 16 euro a testa, acqua vino e coperto compresi. Ottimo rapporto qualità/prezzo, ed in più la certezza che il gatto e la volpe non esistono solo nelle fiabe.



Il piatto forte della recensione è l' "antipasto misto"


Tracklist consigliata : Air - All I Need

New Order - Krafty

mercoledì 24 giugno 2009

Albachiara


Albachiara


Largo F. Palmentieri - Castagneto di Cava de' Tirreni(SA) Tel. 0892960099 / Cell. 3471893817 - Chiuso il mercoledì Tipo di cucina : casereccia Fascia di prezzo : medio/bassa Valutazione complessiva : 5/5

Come arrivare : se provenite da Salerno, alla prima indicazione utile per la Badia girate a sinistra e seguite le chiare indicazioni per il locale. Per chi invece provenisse dal centro di Cava oppure da Nord, subito dopo l'ospedale, alla fine del ponte, girate subito a destra per la rapida salita fino a trovare il locale in una piccola piazzetta dove è anche possibile parcheggiare. Nel caso fosse già piena di vetture, si può cercare nei dintorni. Per fortuna, non ci sono parcheggiatori abusivi

Alzi la mano chi di voi conosce la canzone Albachiara di Vasco Rossi. Bene, potete abbassarle, siamo in estate e le vostre ascelle non offrono uno spettacolo decoroso. Per non parlare dell'odore. Alzi la mano chi invece conosce il ristorante Albachiara. Peccato, vedo molte mani alzate in meno. Il ristorante che dovreste assolutamente conoscere si trova in una deliziosa piazzetta nei pressi della strada che conduce alla Badia, in località Castagneto (che forse c'era una volta, la zona è abbastanza lottizzata, tanto che in alcuni punti pare Sant'Eustachio). Si presenta come un piccolo e raccolto ristorante di paese, con il forno a legna per le pizze e poi due sale, una più grande ed una più piccola separate da archi a volta, che evidenziano la vetustà della struttura, rimessa comunque a nuovo. Di buon gusto l'arredamento, con molti quadri alle pareti e tavole e sedie di solido legno. Subito dopo esserci accomodati, il benvenuto ci viene dato con un buon bicchiere di prosecco ghiacciato e con una piccola selezione di appetizer deliziosi, composta da crostini forati con pomodorini ricotta e aceto balsamico, frittelle di pasta cresciuta e dei fiori di zucca in pastella con ripieno di ricotta, irresistibili. Dopo questa bella apertura continuamo con l'antipasto misto con zucchine e melanzane grigliate in casa, salumi a volontà e bocconcini, tutto ottimo e fresco. Da bere scegliamo un buon aglianico, abbastanza corposo,e per primo un buon piatto di ovvia derivazione picentina, i ravioli al ragù di noci all'odore di salvia, preparati però molto più sottilmente degli altri già menzionati, e quindi risultanti più digeribili. Basterebbe questo per terminare un pasto già abbondante, ma per farla completa optiamo per una buona tagliata di manzo con parmigiano, pomodorini e un mare di rucola, il tutto annaffiato dal buon aceto balsamico. Davvero strasazi, decidiamo che non c'è spazio per il consueto dolce (anche se avevo intravisto in frigo sia una cassata che una ricotta e pera), così chiudiamo con un leggero caffè che ci aiuta ad affrontare con maggiore lucidità le curve del ritorno. Conto di circa 40 euro, giusti e meritati per un locale dove la ricerca delle migliori materie prime si unisce ad un'attenzione certosina per i particolari. Consigliato, anche se in macchina non ascoltate "Albachiara".




Il piatto forte di questa recensione è la "tagliata"



Tracklist consigliata : Kraftwerk - The Telephone Call
Xtc - Life Life Begins At the Hop

giovedì 18 giugno 2009

La Fattoria

La Fattoria



Via Iaconti 15 - Dragonea di Vietri Sul Mare (SA)
Tel.: 089210518 - Chiuso il Mercoledì
Tipo di cucina : casereccia / specialità di pesce
Fascia di prezzo : bassa
Valutazione complessiva : 4/5



Come arrivare : da Salerno imboccare la statale 163 Amalfitana in direzione Amalfi, seguire poi le chiare indicazioni per Dragonea e i cartelli che indicano il nome del ristorante. C'è anche il parcheggio ai piedi del locale, senza parcheggiatore abusivo.



Con questa calura opprimente, meglio allontanarsi un pò dalla città e rifugiarsi fra i monti di Dragonea. Avevo già parlato di questo paesino nella recensione di "Al Limoneto", e ora ci ritorno presentandovi "La Fattoria". Il nome non tragga in inganno, qui la specialità della casa è il pesce, d'altronde anche se siamo in montagna (o quasi) siamo a due passi (forse qualcuno in più) dal mare della Divina. Il locale, oltre alla sala interna, ha un'ampia terrazza dove cenare d'estate, con la complicità di un venticello leggero che lenisce in parte il gran caldo. Ci accomodiamo e notiamo che qui non è in uso il menù, una consuetudine di alcuni locali che a molti potrebbe non piacere. Quindi si ascolta con attenzione il rosario del cameriere, che sciorina le pietanze con il suo tipico accento dei monti lattari. Partiamo come sempre con un buon antipasto di mare, rinforzato in questo locale da bruschette e frittelle di fiori di zucca (con troppa pasta, a dire il vero), e composto da salmone e alici marinate, insalata di polipo e ciacianielli, buoni e davvero microscopici. Proseguiamo con i primi, che qui hanno nomi originali come trapunti (delle piccole cortecce) ai gamberetti, rucola, pomodorini e vongole, e scialatielli (ok, non è originale come "trapunti") ai frutti di mare con la netta prevalenza delle cozze, oltre a vongole e astici. Entrambi buoni ed abbondanti nelle porzioni, ma a voler trovare una pecca si potrebbe dire che i primi, così come l'antipasto, nei ristoranti di mare come "La Fattoria" (e cioè a basso budget) finiscono per assomigliarsi un pò tutti. Osate, ristoratori, è possibile cucinare con fantasia anche con pochi soldi! Chiusura senza polemica con una buona torta ricotta e pera, e conto onestissimo di soli 30 euro, bevande comprese. Non c'è la pizza, ma in compenso c'è una buona selezione di pesce sia fritto che alla brace, oltre ad un vasto menù di mare.



Il piatto forte di questa recensione sono gli "scialatielli ai frutti di mare"



Tracklist consigliata : Xtc - Mermaid Smiled Xtc - Making Plans For Nigel

sabato 13 giugno 2009

El Tinglado

El Tinglado

Moll de Gregal, 5 y 6 - Barcellona (Spagna)
Tel.: 93-2218383 - Chiuso : mai
Tipo di cucina : catalana
Fascia di prezzo : media
Valutazione complessiva : 5/5


Come già detto per "La Fonda De Port Olimpic" basta raggiungere la zona in questione e parcheggiare nei paraggi. Attenzione, nelle strisce blu si paga anche di domenica.


Chiudiamo questo piccolo reportage culinario dalla terra di Catalonia con l'ultimo (ed anche più buono di tutti gli altri) ristoranti. Siamo sempre a Port Olimpic, accanto a "La Fond Del Port Olimpic", il posto si chiama "El Tinglado" ed è il classico ristorante di mare per turisti. Sarà che è domenica, sarà che è l'ultimo giorno e la nostalgia di casa si fa sentire, così decidiamo per un bel pranzo domenicale completo in tutto e per tutto. All'inizio, il titolare del ristorante credeva di aver trovato 5 polli da spennare, presentandosi al tavolo con tre pesci vivi da mezzo quintale l'uno. MA noi, strenuamente, abbiamo risposto che preferivamo il menù turistico, ovviamente a prezzo fisso. Per soli (e dico soli) 16 euro escluse bevande abbiamo mangiato come mai credevamo fosse possibile : si inizia con le classiche olive e bruschette, per poi passare ad una leggera insalata mista di pomodori, uova sode (che chissà perche a Barcellona mettono dappertutto), finocchi, indivia, per poi continuare con degli strepitosi e morbidissimi gamberi in pastella. Credevamo che fosse finita con l'antipasto, ma ci sbagliavamo : il nostro solerte cameriere, che dall'aspetto ricrodava Zorro senza la maschera, fa materializzare sotto i nostri occhi due pentole piene di cozze in zuppa, con un sughetto di carote, cipolle e altre erbe indefinibili. Già satolli, dimentichiamo per un attimo che ci aspetta ancora la portata più sostanziosa, e cioè la paella de marisco, cioè di mare, semplicemente la più deliziosa di tutta la mini-vacanza e di tutte le altre assaggiate in vita mia. Cozze, gamberi, calamari, piccoli astici, peperoni verdi e rossi e riso con zafferano a non finire, tanto da avanzare. Ma non è ancora finita : come sottoscrittori del menù turistico ci spetta ancora il dolce (meglio un buon sorbetto al limone, digestivo) e il liquore, ma non servito come fanno i taccagni delle nostre parti, ma bensì portando in tavola ben 4 bottiglie di liquori ghiacciate senza porre limiti alla nostra sete. Casomai il limite lo avrebbe messo la polizia, dato che qui in Spagna il tasso alcolico massimo previsto per legge è 0.25, la metà che da noi. Il conto finale, comprese le bibite (una sangria ghiacciata un pò troppo dolce per i miei gusti) è di 21 euro a cranio, ma soddisfatti e supersazi, e soprattutto grati al nostro cameriere, lasciamo anche una mancia di 5 euro. E lasciamo anche Barcellona, non prima di aver cercato il vigile che ci aveva multato per divieto di sosta (credevamo che la domenica fosse gratis!). Multa tolta, con tanti auguri e buona partenza. In chiusura, se passate per Barcellona, non potete non fare un salto da "El Tinglado". E salutateci Moncho.



Non c'è un piatto forte per questa recensione, essendo tutto squisito. Quindi li metto tutti.

Tracklist consigliata : Ska P - Napa Es Ska P - La Estampida